RAVIOLI CINESI A VAPORE

ravioli cinesi al vapore

I RAVIOLI CINESI A VAPORE di Cucina bene senza sono un buoni e golosi, senza glutine, lattosio e nichel

senza-foodmapsenza caseinasenza-uovosenza-soffritto

rivisitazione dei jiaozi tipici della cucina cinese, bocconcini da preparare in abbondanza e condividere con i cari, dalla forma considerata un simbolo di buona fortuna. Fagottini cotti a vapore e ripieni in più gusti, in questa variante proposti con un ripieno leggero a base di tacchino e valeriana.

INGREDIENTI

per il ripieno:

  • 350 g di macinato di tacchino;
  • 1 scalogno;
  • Zenzero q.b.;
  • 2 cucchiai di salsa agrodolce;
  • 70 g di valeriana;
  • Una carota;
  • Un pizzico di sale fino;
  • 15 ml di acqua;

per la pasta:

  • 120 g di farina di riso;
  • 45 g di farina di quinoa;
  • 25 g di farina di teff;
  • 65 g di amido di tapioca;
  • 1 pizzico di sale;
  • 220-250 ml di acqua;
  • olio extravergine d’oliva bio qb per le mani;

per il condimento:

  • 10 g di valeriana;
  • Carota tritata q.b.;
  • Zenzero q.b.
  • Salsa agrodolce a volontà.

TEMPISTICHE

Preparazione: 1 ora

Riposo: 1 ora e 30 minuti

Cottura: 30 minuti

Totale: 3 ore

DIFFICOLTÀ ALTA

Dosi: 40 ravioli cinesi.

Macrolibrarsi

PROCEDIMENTO

Per preparare a casa degli ottimi RAVIOLI CINESI A VAPORE segui il procedimento qui sotto.

Per il ripieno:
  1. In una coppa inserire la carne macinata di tacchino, con lo scalogno tritato finemente, dello zenzero grattugiato e due cucchiai di Salsa agrodolce;
  2. Mescolare e lasciare marinare per circa un’ora;
  3. Trascorso il tempo necessario, cuocere la carota in acqua bollente per circa 15 minuti;
  4. Una volta cotta, scolarla, sciacquarla con acqua fredda, e farla raffreddare nello scolapasta;
  5. Una volta raffreddata, tagliarla insieme alla valeriana in piccoli pezzettini;
  6. Successivamente saltare in padella per una decina di minuti il macinato marinato, la carota e la valeriana, aggiungendo il sale e l’acqua;
  7. Una volta pronto il ripieno, inserirlo in uno scolapasta per eliminare gli eventuali liquidi che potrebbero danneggiare l’impasto dei ravioli;
Per la pasta:
  1. In una coppa unire le farine, l’amido e il sale;
  2. In un pentolino portare l’acqua a bollore;
  3. Spegnere il fuoco, incorporare nell’acqua le farine, precedentemente pesate, e mescolare con forza e molto velocemente;
  4. Lasciare riposare la palla dell’impasto dentro un pentolino chiuso con coperchio, per 7 minuti circa;
  5. Ungersi le mani con un po’ d’olio e riprendere l’impasto;
  6. Lavorare per qualche minuto e lasciare nuovamente a riposare nel pentolino coperto per 30 minuti circa;
  7. Una volta trascorso il tempo utile, prendere l’impasto e lavorarlo su un piano di lavoro infarinato con della farina di riso;
    • (N.B.: Se l’impasto risulta troppo appiccicoso aggiungere dell’altra farina).
  8. Per ottenere i ravioli cinesi con il metodo tradizionale, occorre formare dei cordoncini di pasta con diametro pari a 1,5 cm e tagliarli a tocchetti spessi da 1 cm;
  9. Cospargere sul piano un po’ di farina, prendere di volta in volta i pezzettini di impasto e modellarli con le mani, creando delle palline; dopodiché schiacciarli con il palmo della mano per creare dei piccoli dischi;
  10. Successivamente, con l’utilizzo di un piccolo mattarello (o per esempio una piccola canna di bambù) assottigliare solo i bordi di ogni disco facendo roteare il disco con la mano, così facendo la parte centrale resterà poco più spessa.
    • (N.B.: Nella parte centrale più spessa verrà collocato il ripieno, mentre i bordi più sottili verranno uniti durante la chiusura)
  11. L’obiettivo è realizzare dei dischi di 8 cm circa con spessore variabile dal centro ai bordi; e da riempire subito con il ripieno, altrimenti rischiano di seccarsi e rompersi nella chiusura.
  12. Per il riempimento e la chiusura del fagottino occorre usare il procedimento tipico di questa ricetta, quindi porre il disco sul palmo della mano sinistra (o destra se mancini), adagiare al di sopra un bel cucchiaino di ripieno, piegare il disco facendo pressione con il pollice da un lato del disco e con le altre dita dal lato opposto, ottenendo una forma ad “U” e procedere alla chiusura usando le dita della mano opposta per pizzicare i bordi e sigillarli partendo da un’estremità all’altra, sino ad ottenere un raviolo cinese cucito e sigillato alla perfezione;
  13. Ripetere la stessa operazione per ogni raviolo.

COTTURA

Cuocere a vapore usando una vaporiera oppure, se non a disposizione, facendo bollire in una pentola dell’acqua e aggiungendo il cestello per la cottura a vapore in bambù o in silicone, quindi inserire i fogli di carta siliconica forata e adagiare i ravioli all’interno. Cuocere per circa 8 minuti, finché non sono pronti.

Una volta cotti, scolarli delicatamente e adagiarli su un piatto piano;

Impiattare i ravioli, inserendo delle foglie di valeriana, della carota tritata e dello zenzero grattugiato e versare la Salsa agrodolce a volontà, preparata in precedenza, e il primo è pronto.

Questo articolo ti è stato utile?

Continua a scoprire i nostri contenuti…

Per restare sempre aggiornato, iscriviti ai nostri canali social.

ravioli cinesi

N.B. Nelle ricette presentate per “Senza Nichel” si intende “a Basso Contenuto di Nichel”, in quanto esso varia per molti fattori, innanzitutto per le condizioni ambientali in cui crescono gli alimenti, ed inoltre quella al Nichel è un’allergia di accumulo e molto soggettiva. Analogamente anche “Senza Fodmap” indica “a Basso Contenuto di Fodmap”. Le ricette non vogliono essere una regola, ma un’idea di quello che si può preparare; pertanto si consiglia di attenersi alle liste dei vostri Specialisti di fiducia e di sostituire alcuni alimenti non concessi con quelli a voi consigliati.

Tags:
Leave a Comment